“Questo glielo insegnerà”: i soldati israeliani gongolano e tifano mentre sparano ai manifestanti palestinesi (VIDEO)

“Un proiettile letale e tutto sarà finito”

25 aprile 2018

Le inquietanti riprese della Cisgiordania pubblicate da un gruppo israeliano per i diritti umani mostrano soldati israeliani che discutono su come migliorare i tiri dei cecchini su manifestanti palestinesi disarmati e fanno il tifo mentre li colpiscono con proiettili di gomma.

Il video mostra tre soldati della Forza di Difesa israeliana (IDF)  su una strada che porta a un insediamento palestinese e che sparano contro un gruppo di palestinesi che si sono radunati a pochi metri di distanza. I soldati vengono anche ripresi tranquillamente mentre discutono il modo migliore per sparare alle persone.

“È lontano, ancora troppo lontano. Aspetta che si avvicinino“ si sente un soldato che dice all’altro mentre si prepara a sparare un colpo. E si scoraggiano a vicenda dal fare tiri da una distanza troppo grande, poiché potrebbe solo spaventare i manifestanti.

“Abbiamo bisogno di un bel colpo e basta. Questo insegnerà loro a non lanciare pietre “, dice ad un certo punto un soldato. Dallo stesso soldato si sente dire nel video che le pietre, a quanto pare lanciate dai palestinesi, non hanno nemmeno raggiunto la posizione dei soldati. Gli uomini mostrano anche una reazione entusiasta dopo che uno di loro ha colpito un manifestante con un proiettile di gomma.

E’ inquietante come uno dei soldati osserva: “Un proiettile letale e tutto sarà finito”, a cui l’altro risponde che “non hanno bisogno di un fuoco vero”. Il primo poi si lamenta che non si può effettivamente sparare a una persona con un proiettile di gomma.

Secondo la descrizione del video, pubblicato su YouTube dal Centro di informazione israeliano per i diritti umani nei Territori Occupati (B’Tselem), l’incidente è avvenuto nel villaggio palestinese di Madama, situato a sud-est del città di Nablus, in Cisgiordania, il 13 aprile.

L’esercito israeliano ha creato un posto di blocco all’ingresso orientale del villaggio. Quando i palestinesi hanno tentato di rimuovere il posto di blocco durante un’azione di protesta, sono arrivati ​​in tutto 11 soldati israeliani. Ad un certo punto, i palestinesi hanno iniziato a lanciare pietre contro i soldati. Tuttavia, non è chiaro se i soldati abbiano iniziato a sparare in risposta alle azioni dei dimostranti o prima che i palestinesi iniziassero a lanciare pietre.

Sette palestinesi sono rimasti feriti nell’incidente. Due di loro sono stati portati in un ospedale di Nablus per cure mediche, mentre altri sono stati curati sul posto.

Il video è stato pubblicato pochi giorni dopo che un generale israeliano in pensione ha difeso la pratica dell’IDF di aprire il fuoco vivo su manifestanti disarmati a Gaza in una controversa intervista. Zvika Fogel, ex capo dello staff del Southern Commando dell’IDF che controlla il confine di 65 chilometri con Gaza, ha detto che chiunque si avvicini alla barriera di confine tra Israele e Gaza pone automaticamente una potenziale minaccia alla sicurezza e potrebbe quindi essere considerato un bersaglio legittimo, anche se è un bambino.

La madre di Mohammed Ayoub mostra la foto di suo figlio  l’adolescente palestinese “giustiziato” dall’IDF era disarmato, lontano dal confine.

Un testimone che ha filmato l’episodio ha riferito a RT che il fatto che un ragazzo di 15 anni a Gaza fosse disarmato e piuttosto lontano da una recinzione di confine non ha impedito ai cecchini israeliani di sparargli, mentre i genitori in lutto hanno definito l’uccisione del loro figlio una “esecuzione”.
Mohammed Ayoub è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco da un cecchino israeliano venerdì, mentre le accese proteste lungo il confine israeliano con Gaza, pesantemente fortificato,  hanno raggiunto la quarta settimana.

La cosiddetta protesta “Marcia del ritorno” viene presentata come una disperata richiesta palestinese di ritorno alle loro case occupate da Israele nel 1948. Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, migliaia di manifestanti sono stati finora feriti – e quasi 40 uccisi – poiché le regole di ingaggio permettono alla Forza di Difesa israeliana (IDF) di usare proiettili veri contro tutti i manifestanti che ritengono pericolosi.

Il momento in cui Ayoub è stato colpito “con un proiettile esplosivo alla testa” è stato ripreso da un cameraman locale, Abdul Hakim Abu Riyash, che ha detto a RT che l’adolescente non era affatto vicino alla linea di frontiera ma piuttosto “lontano – circa 200-300 metri “.

“Non era una minaccia per l’esercito israeliano e non stava facendo alcun movimento che potesse essere considerato una minaccia”, ha detto il cameraman, sottolineando che il 15enne “partecipava alla marcia come tutti gli altri”.

“Il mio video dimostra che non portava alcun tipo di arma – non una pietra, né una fionda,”  ha detto Riyash.

I genitori di Mohammed in lutto ricordano di essere stati avvertiti  che “gli israeliani stanno minacciando e prendendo di mira le persone”, ma nonostante il loro tentativo di impedire al  figlio di partecipare alle proteste di venerdì, lui ha disobbedito.

La madre del ragazzo ha raccontato che il figlio “aveva chiesto di andare a giocare fuori, quando se n’è andato ha detto a sua zia che sarebbe andato alla manifestazione solo per un’ora, ma appena è arrivato lì lo hanno preso di mira e giustiziato … è successo in meno di un’ora”.

Il padre dell’adolescente ucciso ha aggiunto che Mohammed era un “figlio innocente”, che voleva solo “dare uno sguardo alle sue terre  occupate e rendersi conto dei suoi diritti”. Il soldato israeliano che ha preso la vita di suo figlio deve essere una persona “senza coscienza”, ha detto il padre. “Non solo lui, ma anche  il suo stato e il presidente, quelle persone non hanno nessuna  etica.”

La morte di Mohammed ha suscitato proteste internazionali, ma non è stato il primo adolescente palestinese ad essere ucciso dalle forze di sicurezza israeliane, ha riferito il padre. “Hanno processato i soldati che hanno ucciso quei bambini?” si chiedeva.

“Chiedo alle Nazioni Unite e a tutti i paesi di stare con noi e punire il deprecabile [primo ministro israeliano Benjamin] Netanyahu e il soldato terrorista  senza vergogna”, ha aggiunto il padre.

Dopo che il filmato dell’omicidio di Mohammed è stato pubblicato, l’UE ha condannato le azioni israeliane e ha chiesto una “completa indagine” sull’accaduto.

“Mentre lamentiamo ancora una volta la perdita di vite umane, l’UE chiede alle Forze di difesa israeliane di astenersi dall’utilizzare la forza letale contro manifestanti disarmati, come affermato più volte, la priorità ora deve essere quella di evitare ulteriori escalation di violenza e perdita di vite umane”.

Il coro delle voci indignate è stato affiancato dal coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente, Nickolay Mladenov, che ha sollecitato un’indagine approfondita e si è chiesto su Twitter: “In che modo l’uccisione di un bambino a Gaza oggi aiuta la pace? Alimenta la rabbia e genera più uccisioni.”

Nel frattempo l’IDF nella sua dichiarazione, con naturalezza, ha negato  ogni responsabilità per la morte dell’adolescente e ha dato tutta la colpa al gruppo radicale palestinese Hamas.

“Sfortunatamente, l’organizzazione terroristica di Hamas mette deliberatamente i civili in pericolo, quando ogni settimana mette bambini e donne in prima linea nelle rivolte mandandoli verso il confine e usandoli come ‘scudo umano’ per la realizzazione dei suoi obiettivi “, si legge nella dichiarazione dell’IDF.

L’IDF ha riferito che “ancora una volta avvisa i civili di non avvicinarsi alla barriera di sicurezza e di non partecipare alle attività violente e agli attacchi terroristici”, nonostante i testimoni affermino che Mohammed non fosse  coinvolto in nessuna di queste attività. Ha aggiunto che la morte del quindicenne sarà ‘accuratamente controllata’ proprio come tutti gli altri casi in cui “si sostiene che un individuo sia stato ucciso dal fuoco dell’IDF”.

 

trad. Invictapalestina.org

Fonte:

https://www.rt.com/news/424840-palestinian-executed-idf-witness/

https://www.rt.com/news/425032-israel-soldiers-cheer-shoot-palestinians/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam