Le autorità israeliane chiamano terroristi indiretti il team della squadra del Real Madrid per aver dato a Ahed Tamimi una maglietta

Madrid (AFP) – Sabato il Real Madrid è stato criticato da funzionari israeliani dopo che Ahed Tamimi, un’adolescente associata alla resistenza palestinese all’occupazione israeliana, è stata fotografata con una maglietta del club.

30 settembre 2018

 

La diciassettenne questa settimana è in visita in Spagna con la sua famiglia per partecipare a vari eventi sociali e politici.

Secondo il principale quotidiano sportivo spagnolo Marca, le è stata offerta una maglia del Real e ha posato per foto con Emilio Butragueno, ex attaccante del club e ora direttore delle relazioni istituzionali.

Il Real Madrid non ha rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale in merito al suo invito sui suoi social network o sul sito web. Quando è stato contattato da AFP, il club ha rifiutato di commentare.

Daniel Kutner, ambasciatore israeliano in Spagna, ha scritto su Twitter: “Ahed Tamimi non combatte per la pace, difende la violenza e il terrore, le istituzioni che l’hanno ricevuta e celebrata incoraggiano indirettamente l’aggressività e non il dialogo e la comprensione di cui abbiamo bisogno”.

Emmanuel Nahshon, portavoce del ministro degli esteri israeliano, ha descritto l’apparente benvenuto che il Real Madrid ha riservato a Tamimi come “vergognoso”, descrivendola come “una terrorista che incita all’odio e alla violenza”.

Tamimi è diventata una figura della resistenza palestinese da quando ha trascorso otto mesi in prigione per aver schiaffeggiato due soldati delle Forze di Difesa Israeliane. È stata rilasciata a fine luglio.

 

Traduzione: Simonetta Lambertini – Invictapalestina.org

Fonte:https://www.juancole.com/2018/09/authorities-indirect-terrorists.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam