Come Facebook, anche WhatsApp sta ora censurando le voci palestinesi.

WhatsApp, una divisione di Facebook, sta bloccando selettivamente attivisti e giornalisti palestinesi nell’usare i suoi servizi per coprire le aggressioni israeliane, prova della collaborazione tra Facebook e Israele nel  soffocare le notizie palestinesi. English version Raseef22 – 21 novembre 2019 Ancora una volta, i palestinesi sono  costretti al silenzio  dai canali dei social media, questa … Leggi tutto Come Facebook, anche WhatsApp sta ora censurando le voci palestinesi.