A caccia di tartufi nel deserto iracheno – Galleria fotografica

Sfidando il clima rigido e la minaccia delle mine antiuomo, le famiglie trascorrono settimane a caccia di tartufi stagionali da vendere al mercato

Fonte:  english version

Fotografie di Alaa al-Marjani / Reuters –  26 marzo 2021

Immagine di copertina: Ra’ad Abdelemir, un commerciante, seleziona i tartufi in una tenda  del mercato (credit  Alaa al-Marjani )

‘Eccolo, il tartufo, una benedizione di Dio’

Zahra Buheir, 72 anni, cacciatrice di tartufi nel deserto di Samawa, Iraq

Sfidando il clima rigido e la minaccia delle mine antiuomo nel deserto meridionale dell’Iraq, Buheir e la sua famiglia di sette persone hanno trascorso settimane a caccia dei tartufi stagionali che per generazioni hanno fornito loro un reddito.

Zahra Buheir

‘Quando non c’è lavoro, i tartufi sono una fonte di guadagno. E siamo felici qui “, dice Mohsen Farhan mentre  mangia con la sua famiglia in una tenda nel deserto

Mohsen Farhan, ripreso mentre mangia con la sua famiglia

Il tartufo del deserto iracheno non costa più di circa 5 sterline al chilo quest’anno, molto più economico del più raro cugino europeo che può raggiungere prezzi altissimi.

La nipote di Buheir, Riyam, di cinque anni

Ma con l’economia irachena in crisi, la varietà locale è di grande aiuto per Buheir e la sua famiglia. Quest’anno la pioggia è arrivata tardi e Buheir è riuscita a trovare solo un chilo di tartufi al giorno, un decimo di quello che avrebbe  raccolto in una buona annata

Tartufi

Rovesciando pietre e toccando la terra con le sue mani nude, la nipote di cinque anni di Buheir, Riyam, aiuta  gli adulti

Cacciatori di tartufi nel deserto

‘Quando non c’è lavoro, i tartufi sono una fonte di guadagno. E siamo felici qui “, dice il padre di Riyam, Mohsen Farhan, che ama le settimane  trascorse con la famiglia nella loro tenda nel deserto.

Cacciatori di tartufi nel deserto

Imparare a cacciare i tartufi in questi giorni comporta anche la conoscenza dei pericoli del deserto. ‘Abbiamo paura dei lupi, ce ne sono molti qui. E ci sono le mine. Qualche tempo fa, qualcuno è morto “, dice Farhan

A caccia di tartufi

Resti della guerra del Golfo del 1991, come ordigni inesplosi sotterrati, potrebbero essere scambiati per tartufi da un occhio inesperto

A caccia di tartufi
La tenda di Abu Jakka Farhan, un cacciatore di tartufi, nel deserto

Ogni pochi giorni, Hussein Abu Ali guida nel deserto dalla città di Samawa per portare i tartufi al mercato. Lì, Ali Tajj al-Din li vende all’asta, ognuno con un nome diverso a seconda delle dimensioni. “Questi sono noci, uova, arance, ed ecco il melograno, il più grande”, dice

Cassette di tartufi
Salma Mohsen, 10 anni, posa per una foto con in mano un tartufo
Un uomo compra tartufi in un mercato nella città di Samawa
Un cuoco prepara un pasto con tartufi al ristorante Beit al-Hatab. “Li friggiamo o li grigliamo, ma il piatto preferito sono i tartufi sul riso”, afferma il proprietario del ristorante, Fawwaz Hatab
Gente mangia tartufi a Beit al-Hatab

 

Trad: Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” -Invictapalestina.org