Corruzione in Palestina: un sistema che si autoalimenta

20 agosto 2015 (aggiornato il 21 agosto 2015)

Di Al-Shabaka

Schermata 2015-08-29 alle 00.17.47

Al Shabaka è un’organizzazione no-profit indipendente, il cui obiettivo è educare e promuovere il dibattito pubblico sui diritti umani e l’autodeterminazione dei palestinesi nell’ambito del diritto internazionale.

Questo documento di sintesi è stato redatto dal consigliere politico Tariq Dana, ricercatore esperto presso l’Istituto Ibrahim Abu-Lughod di Studi Internazionali, Università di Birzeit. Leggi tutto “Corruzione in Palestina: un sistema che si autoalimenta”

Epurazione del partito laburista britannico: Jeremy Corbyn non è gradito.

jeremy

Una sorta di Maccartismo si aggira nel Labour Party inglese. Da quando il favorito tra i votanti  del partito, soprattutto tra i giovani, che la politica di Blair aveva allontanato, si è rivelato Jeremy Corbyn, la dirigenza Labour vuole impedire anche a comunisti storici, come il famoso regista Ken Loach, di votare alle primarie.
Blair è ancora potente, dopo aver trascorso quasi 4 anni in un lussuoso hotel di Gerusalemme super pagato, con il compito di “creare accordi” tra Israele-Palestina si è finalmente dimesso, ma senza perdere il salario milionario, poiché i sionisti non dimenticano gli amici.  Leggi tutto “Epurazione del partito laburista britannico: Jeremy Corbyn non è gradito.”

Un celebre giornalista israeliano denuncia l’apartheid nel suo paese

Bradley Burston Aug 17, 2015 2:23 PM – Haaretz

giornalista“Io facevo parte di coloro che non erano d’accordo quando si parlava di “apartheid” per Israele. Ora non più”, ha dichiarato, sul quotidiano israeliano Haaretz, Bradley Burston*, sionista convinto, finora. “E’ ora di ammetterlo: la politica di Israele è quel che è : apartheid” “Ciò che sto per scrivere non è facile per me.

Io appartenevo a coloro che non erano d’accordo quando si applicava l’etichetta “apartheid” ad Israele. Facevo parte di quelli su cui si poteva contare per sostenere che, nonostante il fatto che le politiche di colonizzazione ed occupazione fossero antidemocratiche, brutali, che fosse un suicidio a piccole dosi, il termine di apartheid non si poteva applicare. Non faccio più parte di persone così. Non più dopo queste ultime settimane. Non ne faccio più parte da quando dei terroristi hanno incendiato una casa in Cisgiordania, distruggendo una famiglia, uccidendo un bambino di 18 mesi e suo padre, bruciando la madre per più del 90%… e poi sentire il governo israeliano dichiarare che questa famiglia non poteva essere ammessa al sostegno finanziario e ai risarcimenti automatici concessi alle vittime di terrorismo. Mentre i coloni ne hanno diritto. Leggi tutto “Un celebre giornalista israeliano denuncia l’apartheid nel suo paese”

Gaza: 1.000 bambini hanno disabilità permanenti per l’aggressione dello scorso anno

bambino senza braccia
Middle East Monitor
Secondo Defense for Children International (DCI) più di 1.000 bambini palestinesi nella Striscia di Gaza hanno disabilità permanenti inseguito ai 51 giorni di offensiva militare israeliana dello scorso anno, , un’organizzazione non governativa dedicata ai diritti dei bambini.
In un rapporto intitolato “Operation Protective Edge: Una guerra combattuta sui bambini di Gaza”, pubblicato Martedì, attivisti DCI in Palestina hanno riferito che l’offensiva israeliana dello scorso anno ha prodotto più di 11.000 palestinesi feriti, tra cui 1.000 con disabilità permanenti.
L’ Organizzazione per i diritti dei bambini ha anche osservato che, un anno dopo l’assalto israeliano, migliaia di vittime – tra cui un numero di bambini – ha continuato a soffrire a causa delle ferite e del conseguente trauma psicologico.
La striscia di Gaza, con circa 1,9 milioni di abitanti, è conosciuta per essere la zona più densamente popolata del mondo.
Il 7 luglio 2014, Israele ha lanciato una grande offensiva contro il territorio costiero – soprannominata “Operation Protective Edge” – che  si è conclusa il 26 agosto.
Più di 51 giorni di feroci bombardamenti via aerea, terra e mare, più di 2.147 palestinesi sono stati uccisi, tra cui 578 bambini, 489 donne e 102 anziani.
Altri 11.000 palestinesi sono stati feriti durante l’assalto, 3.303 dei quali erano bambini, secondo un rapporto del ministero della Salute palestinese.

fonte. http://english.pnn.ps/2015/08/27/gaza-1000-children-sustained-permanent-disabilities-of-last-years-aggression/

La risposta di NOA e le tradizioni palestinesi.

noa

Qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post su Facebook col nuovo look di Noa e col titolo:

NOA ruba i vestiti e i colori della Palestina. Niente è casuale. Israele sta sistematicamente cancellando il passato dei palestinesi, distruggendone il patrimonio culturale e paesaggistico, esattamente come fa l’Isis.

Noa si è risentita molto spiegandoci che il suo vestito è stato acquistato in Guatemala, chiamandoci pazzi e ricordandoci che, anche se  Israele ha fatto degli errori  anche i palestinesi hanno fatto molto male a Israele. In una precedente intervista si era espressa a  proposito del BDS  “Penso che il BDS è molto violento, forse non fisicamente, ma intellettualmente e spiritualmente”, nella sua risposta lo precisa ulteriormente senza dare altre alternative. In ogni caso durante il  suo concerto in Spagna non ha indossato il vestito tradizionale. Leggi tutto “La risposta di NOA e le tradizioni palestinesi.”