Israele taglia le forniture di gas alla Striscia di Gaza nel cuore dell’inverno

Ogni anno, l’ occupazione israeliane  taglia  la forniture di gas per cucinare ai residenti di Gaza durante le ondate di freddo più estreme, che tendono a iniziare alla fine del mese di dicembre.

Mideast Palestinians Daily Life
Un fratello e una sorella palestinese a piedi di un edificio che è stato distrutto nella guerra tra Israele e Hamas la scorsa estate, nel quartiere Shijaiyah di Gaza City, nel nord della Striscia di Gaza, Lunedi, 23 febbraio 2015. (AP Photo / Adel Hana)

IMEMC News | 7 gennaio 2016
Gaza, Territori Occupati – La sofferenza dei palestinesi nella Striscia di Gaza è raddoppiata, a causa dei  tagli israeliani alle forniture di gas per cucinare, durante l’attuale ondata di freddo estremo.
“E’ la quarta settimana dal momento che le autorità israeliane hanno gravemente ridotto la  forniture di gas per cucinare per la Striscia di Gaza”, ha detto Mohamed al-Abadleh, membro dell’Unione dei proprietari di combustibile e delle Aziende di Gas.
Ha anche detto che la quantità consentita a Gaza è solo il 15 per cento del fabbisogno giornaliero in tempi normali; tuttavia, il consumo attuale è molto più delle 300 tonnellate, a causa del freddo invernale.
Le stazioni di rifornimento della Striscia di Gaza sono pieni di contenitori di gas vuoti, in quanto non sono in grado di soddisfare le esigenze dei consumatori.
La gente ha iniziato a utilizzare il carbone e legna da ardere per le attività di cucina e altro, al fine di mantenere la sopravvivenza.
Days of Palestine rileva che le autorità israeliane hanno rubato il gas palestinese al largo delle coste del Mediterraneo, per usarlo e venderlo al mondo. Inoltre, impone restrizioni ai palestinesi di Gaza, per quanto riguarda l’ottenimento di gas dalle enormi riserve.
Ogni anno, durante le ondate di freddo più estreme che tendono a iniziare alla fine del mese di dicembre, l’occupazione israeliana  riduce la fornitura di gas per cucinare ai residenti di Gaza.

trad. Invictapalestina

fonte: http://www.mintpressnews.com/212569-2/212569/

Yedioth Ahronoth e Ynet sponsorizzano la conferenza anti-BDS

La Conferenza internazionale con esperti e leader e si concentrerà sulla battaglia contro il movimento per boicottare Israele.

Itamar Eichner
Pubblicato: 01.08.16, 10:31 / Israele Notizie

boycott
Una conferenza internazionale sulla lotta al Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni contro israele è stato annunciato per Venerdì, da Yedioth Ahronoth e Ynet, che guidando la manifestazione

Il convegno, fissato per il 28 marzo a Gerusalemme, è quello di includere statisti, leader politici e le figure chiave nei settori di cultura, finanza, media, legge, e il mondo accademico non solo da Israele ma da tutto il mondo, in una serie di panels, conferenze e workshop .

L’obiettivo della conferenza è quello di fare incontrare in un unico luogo tutti gli esperti e le menti che hanno incontrato (e continuano ad incontrare) il BDS in modo da poter discutere le idee e condividere le possibili strategie per far fronte al fenomeno.

Negli ultimi sei mesi, Yedioth Ahronoth ha pubblicato una serie di rapporti investigativi in ​​materia – le interviste con le persone che sono in prima linea della battaglia e la gente personalmente colpita da essa, ha dato copertura al problema attuale, e condotto in profondità indagini sul modo in cui il movimento opera.

Le conclusioni della conferenza devono essere consolidati in un documento di posizione per aiutare a combattere il movimento BDS.

La campagna globale BDS cerca il boicottaggio economico, accademico e culturale globale di Israele, sulla base di accuse straniere di un sistema di apartheid, di genocidio e crimini contro l’umanità. Mentre alcuni indirizzano  la campagna  esclusivamente verso i coloni in Cisgiordania, altri  suoi dirigenti mettono in discussione  lo scopo della esistenza di Israele.

Un esempio è Frank van der Linea, leader olandese BDS, che ha detto a Yedioth  “recentemente sono arrivato alla conclusione che non riconosco Israele come stato” aggiungendo che l’Unione europea dovrebbe vietare tutti i prodotti israeliani.

trad. Invictapalestina

Fonte: http://www.ynetnews.com/articles/0,7340,L-4750280,00.html

Silopi: Lo stato turco ha giustiziato tre attiviste curde! 

kurde

Da oltre due settimane continua il coprifuoco nelle città di Cizre, Sur e Silopi, luoghi storici della resistenza curda. La popolazione civile è stremata dall’impossibilità di uscire di casa e dall’assenza di forniture elettriche e idriche, vengono attaccate le abitazioni di interi quartieri, impedendo alle ambulanze di soccorrere le persone ferite negli attacchi armati o dai cecchini dell’esercito.

A Silopi lo stato turco ormai sta attaccando la popolazione della città da 24 giorni. Tre quartieri attualmente si trovano in stato di assedio.

In questo clima di violenza indiscriminata nella città di Silopi tra il 4 e il 5 gennaio sono state arrestate 57 persone, tra cui anche giornalisti, e nella notte le forze armate dello stato turco hanno posto il quartiere di Karşıyaka sotto il fuoco continuo di veicoli blindati. In questo attacco armato sono state uccise anche tre donne curde, che rappresentavano i vertici della rappresentanza femminile nella città.

Sevê Demir era componente del Consiglio del Partito del DBP (Partito Democratico delle Regioni). Demir è stata attiva per molti anni nel movimento delle donne curde, fino a quando nel 2009 è stata arrestata nell’ambito del processo KCK ed è rimasta in carcere per cinque anni. Dopo il suo rilascio dal carcere era attiva per il DBP nelle regioni di Mardin e Şırnak.

Pakize Nayır era la co-presidente del Consiglio del Popolo di Silopi.

Fatma Uya era un’attivista dell’Organizzazione delle Donne Libere (KJA, Koma Jinên Azad) a Silopi.

Il 4 gennaio è comparso pubblicamente un documento dello stato in cui lo stato turco accorda in modo esplicito il diritto e l’impunità ai soldati turchi che sparano a civili. Questo ha comportato un aumento delle esecuzioni sommarie dei civili nelle città sottoposte a coprifuoco

In aggiunta, l’esercito turco è intervenuto anche al di fuori della Turchia, nel Kurdistan iracheno ed in Rojava, per attaccare le unità di difesa curde delle YPG e YPJ impegnate in prima linea contro le barbarie di Daesh (ISIS). I Governi dell’Unione Europea e degli altri Stati parte della coalizione NATO restano in silenzio, nonostante le gravi perdite apportate dal Governo turco alle forze curde, che svolgono un ruolo cruciale in coordinamento con la coalizione.

Per questi motivi, chiediamo a tutte e tutti di mobilitarsi al fine di:

–          Che i mezzi di informazione rompano il silenzio sulla sistematica violazione dei diritti umani della popolazione in atto da parte dell’esercito turco nelle municipalità curde in Turchia, attraverso una adeguata informazione sui massacri in atto;

–          Chiediamo che il Governo italiano chieda ufficialmente la cessazione immediata delle esecuzioni sommarie, delle torture e delle violenze commessi dal Governo turco nei confronti della popolazione curda e intervenga anche nelle sedi europee e internazionali;

–          Chiediamo a tutte e tutti dimostrare la propria solidarietà manifestando ovunque per la fine dello stato di emergenza nel Kurdistan turco e la cessazione delle violenze nei confronti della popolazione

Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia- UIKI Onlus

06.01.2016

UIKI Onlus
Ufficio d’Informazione del Kurdistan in ItaliaVia Ricasoli 16, 00185 Roma, Italia
Tel. : +39 06 64 87 11 76
Email : info.uikionlus@gmail.com , info@uikionlus.com
Web : www.uikionlus.com
Facebook : UIKIOnlus
Twitter : @UIKIOnlus
Google + : 102888820591798560472
Skyp : uikionlus

Il Soldato israeliano Shalit ha gradito il barbecue durante la detenzione di Hamas

gilad-shalit
Il Soldato israeliano Gilad Shalit ha trascorso cinque anni prigioniero di Hamas

Domenica  Izz Eddin al-Qassam, l’ala militare di Hamas, che si è occupata di Shalit catturato nel giugno 2006, ha pubblicato un video che mostra spezzoni di riprese  del soldato israeliano Gilad Shalit, mentre è tenuto prigioniero da Hamas.
Il video di 1,1 minuti mostra Shalit,  rilasciato nel 2011 a seguito di un accordo scambio di prigionieri raggiunto tra Israele e Hamas, sorridendo mentre controlla un barbecue.

Si vede anche mangiare, sorseggiare un caffè, guardare la TV e leggere le lettere dalla sua famiglia. Il filmato è  parte di un video che rivela una divisione speciale top-secret dell’ala militare di Hamas chiamata Shadow Unit, che si dice sia stata responsabile della custodia di Shalit durante la sua prigionia. Un portavoce dice che l’unità è stata istituita dieci anni fa con lo scopo di garantire il rilascio dei prigionieri palestinesi  tenuti nelle carceri israeliane, attraverso scambi di prigionieri.
Il video afferma che l’unità “considera i prigionieri nemici onorevolmente, in linea con le regole dell’Islam, e prevede per le loro esigenze, tenendo conto del trattamento riservato ai prigionieri della resistenza nelle mani del nemico.”
Mentre la famiglia di Shalit ha detto in un comunicato che i rapitori di Gilad “useranno tutti i mezzi necessari per presentare un’immagine distorta [degli anni di Shalit prigioniero]”, Shalit stesso ha fatto alcuni commenti sul video e sembra che all’epoca, gli sia stato in gran parte impedito di parlare  a Gaza della sua  prigionia.
Può essere che il rilascio del video sia destinato a esercitare ulteriori pressioni sulle autorità israeliane e l’opinione pubblica israeliana per quanto riguarda i soldati Oron Shaul e Hadar Goldin, i cui corpi  si ritiene siano stati sequestrati da Hamas durante la guerra israeliana del 2014 a Gaza, e i palestinesi rimessi in prigione dopo essere stati liberati nel 2011 con l’accordo di scambio.
Mentre le famiglie dei due soldati si sono mobilitate per il recupero dei loro corpi, non sembrano esserci segnali positivi da parte delle autorità per cogliere eventuali offerte in tal senso.

 

trad. Invictapalestina

Fonte: https://www.middleeastmonitor.com/news/middle-east/23186-israeli-soldier-shalit-enjoyed-a-barbeque-while-in-hamas-custody

Israele è sempre stato un Paese xenofobo, solo che è sempre riuscito a nasconderlo.

Di Gideon Levy- Haaretz – 3 gennaio 2016

Ben prima del primo ministro Benjamin Netanyahu e del ministro della Giustizia Ayelet Shaked non c’era una vera democrazia in Israele. C’era molto odio nei confronti degli arabi, ma, a differenza di oggi, tutto era nascosto. Per cui, cos’è meglio?

Schermata 2016-01-06 alle 00.38.34

Leggi tutto “Israele è sempre stato un Paese xenofobo, solo che è sempre riuscito a nasconderlo.”