…La figlia di OMAR amico e collaboratore di Invictapalestina.

La storia di Dalal, attrice italo-palestinese nell’«Orestea»: in scena è nata l’amicizia con i colleghi ebrei

Dalal Suleiman in
Dalal Suleiman in “Nata sotto una pianta di datteri” regia Gigi di Luca

È nata a Napoli, ma la sua terra è la Palestina. Figlia di un palestinese e di una napoletana, l’attrice Dalal Suleiman (34 anni) ha mosso i primi passi nei vicoli dei Quartieri Spagnoli, ma la più forte emozione l’ha vissuta andando la prima volta a Nablus, dove vive la famiglia del padre Omar.

Leggi tutto “…La figlia di OMAR amico e collaboratore di Invictapalestina.”

Tutto immutato per i bambini arrestati dall’esercito israeliano

Nonostante le tante promesse e programmi pilota volti a migliorare, si riscontrano solo piccoli cambiamenti nei modelli di abuso sui bambini palestinesi quando sono arrestati dall’esercito israeliano.

art14sett

di Gerard Horton, avvocato e co-fondatore di Military Court Watch, September 13, 2015

(Le foto sono state scelte ed inserite da Invictapalestina)

Leggi tutto “Tutto immutato per i bambini arrestati dall’esercito israeliano”

Barakat: Gli accordi di Oslo sono stati la dichiarazione di bancarotta e fallimento della borghesia palestinese.

Khaled Barakat, the coordinator of the Campign to Free Ahmad Sa’adat
Khaled Barakat, the coordinator of the Campign to Free Ahmad Sa’adat

“Coloro che sono stati coinvolti nella firma dell’accordo di Oslo dopo le dimissioni dalle loro posizioni nella Organizzazione per la Liberazione della Palestina e le istituzioni ufficiali palestinesi, devono chiedere scusa al popolo palestinese e comparire davanti a un tribunale palestinese sotto il controllo popolare”, ha detto Khaled Barakat, coordinatore della Campign a Free Ahmad Sa’adat, in una videoconferenza con i sostenitori della causa palestinese.

“Tuttavia, non hanno il coraggio o la coscienza – perché non rappresentano il popolo palestinese. Perché sono la rappresentanza politica di una classe, è non solo una organizzazione individuale”, ha detto Barakat. “Oslo è stato un crimine, uno scandalo e un disastro. Ciò che è stato firmato alla Casa Bianca 22 anni fa come la “Declaration of Principles” era, in sostanza, la dichiarazione della borghesia palestinese del loro fallimento e il fallimento nella direzione della rivoluzione del popolo palestinese per la liberazione, il ritorno, l’auto-determinazione e la vittoria.”

Leggi tutto “Barakat: Gli accordi di Oslo sono stati la dichiarazione di bancarotta e fallimento della borghesia palestinese.”

13 settembre 1993: Israele e l’OLP siglano gli Accordi di Oslo.

La debolezza dei Palestinesi – esausti, distrutti a livello finanziario, ignorati a livello diplomatico – ha portato all’accettazione di un accordo che presto significherà per le generazioni più giovani un tradimento alla loro richiesta di autodeterminazione?

Di Richard Kreitner

Yitzhak Rabin, Bill Clinton, and Yasser Arafat shaking hands at the Oslo Accords signing ceremony. (White House)
Yitzhak Rabin, Bill Clinton, and Yasser Arafat shaking hands at the Oslo Accords signing ceremony. (White House)

Gli accordi di Oslo sono stati firmati in questa data, nel 1993, l’avvio del cosiddetto “processo di pace” tra Israele e Palestina. The Nation è in gran parte scettica – arrivando a confrontare l’accordo con il Trattato di Versailles, sul quale  la rivista si era schierata vigorosamente contro – e, col senno di poi, ha avuto ragione.
Per il momento c’è ottimismo ma è prematuro festeggiare.

Infatti, anche se le fasi iniziali della trattativa israelo-palestinese vanno verso un avvio regolare, che non è assicurato, ci saranno molti ostacoli lungo il percorso. Gli estremisti di entrambe le parti si oppongono al processo. Da parte palestinese vi è incertezza su quanto questa resistenza sarà forte, e se sarà placata o intensificata dall’ autogoverno palestinese limitato e immaginato. Molto dipende dal fatto che la violenza può essere ridotta su entrambi i lati, e dal fatto che l’assistenza economica sia abbastanza generosa per portare miglioramenti tangibili nella vita quotidiana di quei palestinesi che potrebbero finalmente emanciparsi da decenni di occupazione israeliana….

Vi è una profonda, sfida più sottile al piano di pace: La debolezza dei Palestinesi – esausti, distrutti a livello finanziario, ignorati a livello diplomatico – ha portato all’accettazione di un accordo che presto significherà per le generazioni più giovani un tradimento alla loro richiesta di autodeterminazione?

La leadership israeliana deve puntare su una solida maggioranza del proprio popolo e sulla saggezza per negoziare tali questioni irrisolte come la portata e i tempi del ritiro israeliano, il futuro dei profughi palestinesi, l’eventuale disposizione degli insediamenti israeliani, la transizione dall’autonomia alla sovranità per il Palestinesi e l’internazionalizzazione parziale di Gerusalemme. Se gli israeliani non sono pronti su questi temi vitali, i palestinesi probabilmente si sentiranno presi in giro e umiliati e riprenderanno la lotta armata, probabilmente sotto la guida molto più militante di quella di Yasser Arafat.

Qui, dobbiamo ricordare come le dure imposizioni di Versailles alla Germania dopo la prima guerra mondiale ha aperto la strada per ultranazionalismo nazista, perversioni razziste e militarismo. Le  amare ironie di tale confronto dovrebbero incoraggiare Israele e suoi amici, in particolare gli Stati Uniti, a soddisfare le aspirazioni dei palestinesi per una reale indipendenza e sovranità. Ciò fornirebbe a Israele la sicurezza  di gran lunga migliore, e meno dolorosa, che abbia mai conosciuto.

13 settembre 1993

trad. Invictapalestina.

fonte: http://www.thenation.com/article/september-13-1993-israel-and-the-plo-sign-the-oslo-accords/

La Nakba: una storia che continua

Alcune riflessioni problematiche prima di un convegno sulla Shoah e sulla Nakba di lunedì [7settembre] all’Istituto Van Leer di Gerusalemme.

di Amira Hass | Haaretz 6 settembre 2015

Israeli security forces face off against Palestinian protesters at a demonstration outside Ramallah, on Sept. 4, 2015.Reuters
Israeli security forces face off against Palestinian protesters at a demonstration outside Ramallah, on Sept. 4, 2015.Reuters

Quando cerco di indovinare cosa prova un palestinese quando lascia la sua “riserva” e vede la bandiera israeliana sventolare su ogni collina e sui pali dell’elettricità lungo le strade della Cisgiordania, io al posto della Stella di Davide ci metto la svastica. E quando provo a capire l’odio che i palestinesi sentono nei confronti di Israele a causa dell’ingiustizia a loro inflitta, io sostituisco “Israele” con “Germania”. Sono queste le forme di odio e disgusto che conosco. Leggi tutto “La Nakba: una storia che continua”