CALL FOR INTERNATIONAL VOLUNTEERS

Foto di Archivio: Gaza Novembre 2014
Foto di Archivio: Gaza Novembre 2014

Durante i mesi di luglio e agosto, c’è stata un’escalation di violenza da parte dei coloni israeliani illegali e l’esercito israeliano verso i palestinesi. Ism sta inviando una chiamata urgente per i volontari di unirsi a noi in palestina. Tutte le info nella sezione del nostro sito ism o e-mail a palreports@gmail.com per maggiori informazioni.
Su base settimanale, le persone di tutta la West Bank vengono arrestate senza accuse, irruzioni durante la notte, ulteriori case sono state demolite, i coloni hanno aumentato la violenza nella città di Hebron e in altri villaggi, e la marina militare israeliana ha aumentato il numero di attacchi verso la popolazione di Gaza e soprattutto verso  i pescatori.

traduzione a cura di ISM-Italia, testo in inglese (english text) http://palsolidarity.org/join/

Leggi tutto “CALL FOR INTERNATIONAL VOLUNTEERS”

232 new Olim dal Canada e dagli Stati Uniti arrivano in Israele

Gli Olim nei prossimi giorni saranno sistemati nelle loro nuove case in tutto il paese. Alcuni di loro faranno presto parte dell’IDF.

18 ago 2015, 09:45 | Maya Nir

11037322_10153116795657076_4311893477638736065_n

13 ore dopo il decollo da John F. Kennedy Airport di New York City, 232 nuovi Olim sono arrivati oggi in Israele su un  volo ebraico denominato “Anime Unite”. Tra le Olim ci sono 60 giovani uomini e donne che entreranno a far parte dell’IDF nei prossimi mesi.

Leggi tutto “232 new Olim dal Canada e dagli Stati Uniti arrivano in Israele”

“NON SIAMO PIU’ UNA PRIORITA’ IN MEDIO ORIENTE”. IL DISINCANTO PALESTINESE

di Stefania Limiti*

Ramallah. “In questo momento è chiaro che ogni via politica per i Palestinesi è chiusa. Mentre il medioriente è in fiamme, per le scorribande dei terroristi dell’Isis, guardati a vista dall’Occidente, noi non siamo una priorità”.

pal

Pesano come pietre le parole dirette e chiare di Nasser Sharaya, guida del Comitato per non dimenticare il diritto al ritorno, palestinese di Birzeit che non entra a Gerusalemme quando gli viene negato il visto. Leggi tutto ““NON SIAMO PIU’ UNA PRIORITA’ IN MEDIO ORIENTE”. IL DISINCANTO PALESTINESE”

Lo stato turco ricomincia a incendiare i villaggi curdi

image

I villaggi di Kocakoy nei distretti di Lice-Hani a Amed (Diyarbakir) e altri villaggi circostanti sono sottoposti a un pesante bombardamento da parte dell’esercito turco.Molti di questi villaggi stanno attualmente bruciando,con molti feriti e un numero sconosciuto di morti.Dopo il pesante bombardamento di luoghi civili,i soldati turchi sono entrati nel villaggio di Kocakoy.Hanno poi proceduto prendendo di mira le abitazioni sparando e bruciando le case con le famiglie ancora all’interno.Fonti locali hanno riferito che molte persone in queste case sono state uccise e seriamente ferite. Leggi tutto “Lo stato turco ricomincia a incendiare i villaggi curdi”

a ‘Ali Dawabsheh, bruciato vivo a 18 mesi – Ibrahim Nasrallah

Children of Yarmouk and Khan Al Shieh camps organized a solidarity vigil with the Palestine children condemning the heinous crime which claimed the lives of the Palestinian baby Ali Dawabsheh.
Children of Yarmouk and Khan Al Shieh camps organized a solidarity vigil with the Palestine children condemning the heinous crime which claimed the lives of the Palestinian baby Ali Dawabsheh.

a ‘Ali Dawabsheh, bruciato vivo a 18 mesi,
nella sua casa dai coloni israeliani, il 31 luglio 2015

Ibrahim Nasrallah

Quel bambino non dorme
(trad. Wasim Dahmash)

Una sveglia la mattina
Due… cinque
Quel bambino non dorme e non si sveglia
Campane di ambulanti per strada
Un macchina di corsa, sole
Radio, grida di gigli
Sospiro come lacrima in poesia d’amore
Uccelli chiacchierano sul tetto
La vicina guida la mattina alla rugiada
Gli abiti svolazzano all’aria
E sul ramo del suo cuore si posano le ali del cielo.

Quel bambino non dorme e non si sveglia.

L’estate attraversa polvere, alberi, colline
Si accorciano i giorni
I boschi si salutano per incontrarsi a valle l’anno dopo
Sparisce l’autunno come vento
Alla fine dei frutti ulula una lupa
E gira come tempesta
E morde le nuvole.

Di nuovo una primula nel campo
Il passo di primavera
L’estate si alza nell’aria tizzone ardente
Cala l’autunno e l’inverno
Quel bambino non dorme e non si sveglia
Disteso nel suo sogno, nella pelle molle
In quel rogo.

poesia