Perchè Israele odia cosi tanto i palestinesi

L’odio israeliano per i palestinesi è forgiato e guidato da tre sentimenti principali.

Israele teme tutto ciò che è la fermezza palestinese, l’unità palestinese, la democrazia palestinese, la poesia palestinese e tutti i simboli nazionali palestinesi, inclusa la lingua, che ha declassato, e la bandiera, che sta cercando di bandire.

Fonte: english version

di Marwan Bishara -Analista politico senior di Al Jazeera – 8 agosto 2022

Immagine di copertina: Una donna cammina tra le macerie di un edificio distrutto dall’ultimo bombardamento israeliano a Gaza [Mahmud Hams/AFP] (AFP)

I palestinesi hanno tutte le ragioni per odiare Israele; è uno stato di apartheid coloniale eretto sulle rovine della loro patria. Ma perché Israele odia così tanto i palestinesi? Li ha terrorizzati, bloccati e imprigionati sadicamente e sistematicamente dopo aver preso il controllo delle loro vite e dei loro mezzi di sussistenza, negando loro i diritti e le libertà fondamentali

La risposta ovvia potrebbe non essere la risposta giusta. Sì, Israele detesta la violenza e il terrorismo palestinese che hanno toccato più di qualche israeliano, ma non è nulla in confronto alla violenza all’ingrosso e al terrore di stato imposto da Israele ai palestinesi, alle guerre vendicative e preventive che periodicamente intraprende nei loro confronti, come ha fatto lo scorso fine settimana.

A mio avviso, l’odio di Israele per i palestinesi è modellato e guidato da tre sentimenti fondamentali: paura, invidia e rabbia.

La paura è un fattore importante: può essere irrazionale ma anche strumentale.

Non dovrebbe sorprendere che Israele abbia continuato a temere i palestinesi anche dopo che ha occupato tutte le loro terre ed è diventata una super potenza regionale e nucleare. Perché la sua paura dei palestinesi non è solo fisica o materiale, è esistenziale.

Sotto il titolo appropriato: “Perché tutti gli israeliani sono codardi”, un editorialista israeliano si è chiesto nel 2014 che tipo di società produce soldati codardi che sparano a giovani palestinesi disarmati da una lunga distanza. Circa quattro anni dopo, nel 2018, è stato davvero surreale vedere i soldati israeliani nascondersi dietro le difese fortificate mentre sparavano a centinaia di manifestanti disarmati per giorni e giorni.

Fondamentalmente Israele è fuggito da Gaza per la paura nel 2005, imponendo un blocco disumano ai due milioni di persone , per lo più rifugiati, che vivono lì.

Israele teme tutto ciò che è la fermezza palestinese, l’unità palestinese, la democrazia palestinese, la poesia palestinese e tutti i simboli nazionali palestinesi, inclusa la lingua, che ha declassato, e la bandiera, che sta cercando di bandire. Israele teme in particolare le madri palestinesi che partoriscono nuovi bambini, che definisce una “minaccia demografica”. Facendo eco a questa ossessione nazionale israeliana per la procreazione palestinese, 12 anni fa uno storico ha avvertito che la demografia è una minaccia alla sopravvivenza dello stato ebraico proprio come un Iran nucleare, ad esempio, perché a suo avviso, i palestinesi potrebbero diventare la maggioranza entro il 2040-2050 .

La paura è anche determinante per uno stato presidio come Israele, noto come “un esercito con un paese annesso”. In un libro che riassume la sua decennale esperienza in Israele, un giornalista americano ha osservato che: “Il governo di oggi vive di paure, la maggior parte delle quali immaginarie o almeno selvaggiamente esagerate, dipingendo Israele come un piccolo paese isolato, solitario, minacciato, sempre sulla difensiva, sempre alla ricerca del prossimo segno di odio da qualche parte, desiderosa di reagire in modo esagerato.

Insomma, la paura genera odio perché, nelle parole di un altro osservatore israeliano, uno Stato che ha sempre paura non può essere libero; nemmeno uno Stato che è plasmato dal messianismo militante e dal razzismo più estremo  contro gli indigeni della terra, non può essere veramente indipendente.

Israele è anche arrabbiato, sempre arrabbiato con i palestinesi per essersi rifiutati di arrendersi e capitolare, per non essere andati via; lontano. Israele, a tutti gli effetti, ha vinto tutte le sue guerre dal 1948 ed è diventata una superpotenza regionale, costringendo i regimi arabi a inchinarsi per l’umiliazione. Eppure i palestinesi continuano a negare la vittoria agli israeliani, non si sottometteranno; non si arrenderanno, anzi, continueranno a resistere, qualunque cosa accada.

Israele ha le potenze mondiali dalla sua parte, con gli Stati Uniti in tasca, l’Europa al seguito  e i regimi arabi che gli fanno la corte. Ma i palestinesi isolati – e persino dimenticati – si rifiutano ancora di cedere i loro diritti fondamentali, per non parlare della sconfitta. Deve essere irritante per Israele avere così tanto sangue innocente sulle sue mani, inutilmente. Uccide, tortura, sfrutta e deruba i palestinesi di tutto ciò che è caro, ma loro non abbasseranno la testa. (Israele) Ha imprigionato più di un milione di loro nel corso degli anni, ma i palestinesi si rifiutano di capitolare. Continuano a bramare e lottare per la libertà e l’indipendenza, con molti che insistono sulla fine di Israele come stato coloniale.

Israele è anche invidioso del potere interiore palestinese e dell’orgoglio esteriore. È invidioso delle loro forti convinzioni e della loro prontezza al sacrificio, che presumibilmente ricorda agli israeliani di oggi i primi sionisti. I coscritti israeliani di oggi, trasformati in Robocop, affrontano il coraggio palestinese a torso nudo da dietro i loro veicoli blindati, sparando codardi per vendetta.

Israele è molto invidioso dell’appartenenza storica e culturale dei palestinesi alla Palestina; del loro attaccamento alla terra, un attaccamento che il sionismo ha dovuto fabbricare per indurre gli ebrei a diventare coloni. Israele odia i palestinesi per essere così parte integrante della storia, della geografia e della natura del paesaggio che rivendica come propri. Israele ha fatto ricorso a lungo alla teologia e alla mitologia per giustificare la sua esistenza, quando i palestinesi non hanno bisogno di tale giustificazione;il loro senso di appartenenza è naturale , spontaneo e istintivo.

Israele ha cercato di cancellare o seppellire ogni traccia dell’esistenza palestinese, cambiando anche i nomi di strade, quartieri e città. Nelle parole di uno storico israeliano, “per trovare accurati parallelismi per la riconsacrazione dei luoghi di culto da parte di un conquistatore, bisogna risalire alla Spagna o all’impero bizantino a metà della fine del XV secolo”.

Israele odia i palestinesi per essere la prova vivente che le fondamenta del sionismo – un popolo senza terra che si stabilisce in una terra senza popolo – sono nella migliore delle ipotesi mitiche, violente e colonialiste in realtà. Israele li odia per aver impedito la realizzazione del sogno sionista su tutta la Palestina storica. E odia soprattutto coloro che vivono a Gaza, per aver trasformato il sogno in un incubo.

Tuttavia, sarebbe sbagliato glorificare tutto questo. L’amore è sempre meglio dell’odio. L’odio è distruttivo e alimenta altro odio. L’odio è devastante per l’odioso e l’odiato. Israele potrebbe ancora trasformare tutto quell’odio in tolleranza, invidia in apprezzamento e rabbia in empatia, se solo avesse il coraggio di espiare il suo passato violento, scusarsi per i suoi crimini, risarcire i palestinesi per le loro sofferenze e iniziare a trattarli con il rispetto e l’onore che meritano come uguali, anche privilegiati eguali nella loro patria. L’odio di Israele non scaccerà i palestinesi, ma potrebbe anche scacciare gli ebrei.

traduzione di Nicole Santini – Invictapalestina.org

 

Appello per fondi emergenza per le strutture sanitarie e prime necessità a Gaza

CAR🌹
volevo informarvi di come sto procedendo. 
Ho ricevuto una lista di richieste per l’emergenza-farmaci e disposables per 50.000 euro, dubito che arriveremo a raccoglierli tutti ma so che anche se ne raccogliamo una parte si può contribuire alla cura dei circa 70 feriti gravi di cui metà bambini.
Ho anche individuato una ditta a Gaza che ha questi materiali in magazzino.
 
VI PREGO DUNQUE SE POTETE/ VOLETE VERSARE DI FARLO ENTRO LA MEZZANOTTE DEL 12. E RIGOROSAMENTE INVIARE A QUESTA MAIL (paolamanduca@gmail.com) LA COPIA DEL VERSAMENTO. ORDINERò SULLA FIDUCIA E SULLA BASE DELLA PROVA DI VERSAMENTO, PRIMA DI RICEVERE SUL CONTO.
Il 13 farò le somme E PREPARERO IL PRIMO ORDINE cosi il 15 o il 16 possono fare la consegna preparerò anche una lettera che accompagni la consegna con la lista dei donatori da inviare al ministero della salute, che ci darà segno di ricevimento, ed a tutti donatori.
 
e poi continuiamo con un nuovo invio se ci arrivano fondi entro il 21.
 
QUINDI … VELOCI!!
Genova: Paola Manduca – Medico

Leggi tutto “Appello per fondi emergenza per le strutture sanitarie e prime necessità a Gaza”