126 artisti di spicco chiedono che siano accertate le responsabilità per l’uccisione di Shireen Abu Akleh da parte di Israele

Pedro Almodovar, Susan Sarandon, Tilda Swinton, Mark Ruffalo, Eric Cantona, Miriam Margolyes, Jim Jarmusch, Naomi Klein e Peter Gabriel chiedono “misure significative per garantire l’accertamento delle responsabilità per l’uccisione di Shireen Abu Akleh e di tutti gli altri civili palestinesi”.

Fonte: english version

Artist for Palestine UK – 19 maggio 2022 Leggi tutto “126 artisti di spicco chiedono che siano accertate le responsabilità per l’uccisione di Shireen Abu Akleh da parte di Israele”

Censurando la Palestina: sciami di Bot israeliani stanno paralizzando gli account twitter pro-Palestinesi

Gli esperti palestinesi di diritti digitali hanno da tempo denunciato la crescente censura dei contenuti palestinesi online

Fonte: english version

Jessica Buxbaum – 17 maggio 2022

Gerusalemme Est occupata – Il 29 aprile 2022 Inès Abdel Razek si è ritrovata con 80 nuovi follower su Twitter.

“Questi account seguivano esattamente le stesse persone che stavano twittando sulla Palestina, ma da account francesi o francofoni che si occupano di Palestina”, ha detto Razek dei suoi nuovi follower.

Il direttore dell’Ufficio Legale di Rābet, la piattaforma digitale dell’Istituto Palestinese per la Diplomazia Pubblica, è diventato diffidente nei confronti della questione dopo che anche Abier Khateb, un responsabile delle sovvenzioni presso la Fondazione Open Society, ha riferito di massicce acquisizioni di followers.

Razek ha detto di aver iniziato a segnalare individualmente ogni account come falso, ma di aver mantenuto pubblico il proprio account, per non lasciare che i presunti bots ( abbreviazione di robots- n.d.t.) vincessero. Ma dopo alcuni giorni, Razek ha reso il suo profilo privato. Al culmine, Razek aveva acquisito 400 falsi follower.

Dalla fine di aprile alle prime settimane di maggio, più di 40 account Twitter pro-palestinesi hanno riportato un massiccio aumento di follower. Gli esperti di diritti digitali affermano che l’acquisizione di enormi quantità di follower falsi attiva l’algoritmo di Twitter e può portare il gigante dei social a sospendere un account, censurando efficacemente gli utenti costringendoli a rendere privati ​​i loro account.

Tra gli account c’erano quelli appartenenti alle organizzazioni per i diritti umani e attivisti come Adalah, Combatants for Peace, Breaking the Silence e il Centro per i Diritti Umani Al Mezan; e anche testate giornalistiche e reporter, come The Palestine Chronicle, Ali Abunimah e Hind Al-Eryani; e politici, come Husam Zomlot, l’ambasciatore palestinese nel Regno Unito. Twitter non ha risposto alle richieste di chiarimento sull’origine degli account sospetti.

Il dottor Marc Owen Jones, un assistente professore all’Università Hamad bin Khalifa, ha condotto un’analisi che ha trovato più di 1.150 account falsi. Twitter ha cancellato circa 1.090 di questi account, secondo Jones. La sua analisi ha determinato che il tempo medio di creazione dell’account era da uno a tre al minuto, suggerendo che questi account sono stati creati utilizzando un processo automatizzato.

I profili erano in varie lingue, tra cui francese, spagnolo, inglese e tedesco, ma di solito avevano biografie in arabo. Spesso avevano nomi strani, come Noble Betty Thomas, e nessun follower.

“Avevano nomi chiaramente inventati”, ha detto Sarah Leah Whitson, che ha anche lei sperimentato un grande afflusso di nuovi follower. “La stragrande maggioranza di loro aveva nomi e indirizzi israeliani. Alcuni di loro avevano nomi arabi inventati, o che erano stati alterati. È chiaro che stanno usando false immagini di profilo rubate”.

In risposta alla tempesta di falsi account, lo sviluppatore di programmi Daniel Easterman ha creato uno programma gratuito per segnalare e bloccare automaticamente centinaia di questi bot per gli utenti.

Easterman ha affermato che il problema dello spamming ha un effetto di censura costringendo gli utenti a rendere privati ​​i propri account. “Ciò significa che non saranno in grado di diffondere ampiamente i loro messaggi come farebbero normalmente”, ha detto Easterman.

Un’altra area di particolare preoccupazione è il modo in cui un’ondata di falsi follower può causare la chiusura di un account da parte di Twitter. “Quando si vede un aumento così massiccio dei follower, di solito è qualcuno che manipola il sistema per tornaconti commerciali”, ha detto Easterman. “Quindi ciò potrebbe far sì che Twitter segnali automaticamente quell’attività sospetta e sospenda l’account dell’attivista”.

Usare Twitter per colpire difensori dei diritti umani e giornalisti non è insolito. Nel 2017, la giornalista Lona Craig e altri che riferivano sullo Yemen sono stati spammati con migliaia di falsi follower. Molti hanno ipotizzato che i colpevoli fossero entità statali appartenenti all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti.

La ragione dietro questa particolare imponente campagna di followeraggio rimane sconosciuta. Jones ha ipotizzato che agisca come una forma di soppressione dei social media, scrivendo su Twitter:

“Alcuni suggeriscono che sia un mezzo per degradare la qualità algoritmica di un account Twitter in modo che possa essere sospeso; altri che stiano cercando di aumentare la popolarità di un account. Quando non è richiesto, come in questo caso, tendo a pensare che sia più un’operazione mirata. Sono naturalmente scettico, ma la maggior parte delle persone che ricevono un afflusso improvviso di falsi follower si sentono nervose e a disagio. Se questo fatto è risaputo, funziona come uno strumento di sorveglianza e potenzialmente intimidatorio (ad esempio, ci si sente osservati). Inoltre, molte persone smettono di pubblicare sui loro account per un po’, il che ha un effetto di censura”.

Razek, Whitson e altri hanno detto che nel loro caso il flusso di falsi follower sembra diminuire. Tuttavia, è emersa una nuova operazione.

La scorsa settimana, Jones ha trovato circa 2.800 account di falsi follower di account filo-palestinesi e antisionisti che hanno recentemente twittato sull’uccisione della giornalista palestinese-americana Shireen Abu-Akleh.

“Questa rete è probabilmente la stessa di quella trovata alla fine di aprile, anche se ora è attiva”, ha scritto Jones su Twitter.

Gli account hanno da 0 a 20 follower, con la maggior parte delle biografie scritte in inglese e che indicano semplicemente la posizione dell’account, che è Israele. La maggior parte degli account non ha un’immagine di copertina e le immagini del profilo sono state presumibilmente sottratte a persone reali.

Secondo Jones, gli account hanno iniziato a mettere mi piace e retwittare i post, senza alcuna reale logica metodica: a loro piacciono sia gli argomenti pro e anti-palestinesi e seguono gli account sia filo-sionisti che pro-palestinesi, ma sembrano prendere di mira maggiormente la parte pro-palestinese. Gli account presi di mira includono The Jerusalem Post; l’account ufficiale dello Stato di Israele; l’organizzazione attivista Jewish Voice for Peace; il Movimento Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni; il giornalista israeliano Ilan Pappe; e l’ex membro del comitato esecutivo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, la dottoressa Hanan Ashrawi.

Ancora una volta, il motivo per il followeraggio di massa rimane poco chiaro. “Coloro che vengono seguiti lo trovano comprensibilmente intimidatorio, come se fosse una forma di sorveglianza o una tecnica per provare a degradare la qualità di un account con follower di bassa qualità”, ha scritto Jones su Twitter. “Resta il fatto, questi sono chiaramente account falsi e rovinano l’esperienza di Twitter.”

La censura della Palestina, un problema attuale

Gli esperti palestinesi di diritti digitali hanno da tempo denunciato la crescente censura dei contenuti palestinesi online. Durante l’assalto israeliano a Gaza e l’aumento degli attacchi israeliani al complesso di Al-Aqsa e nel quartiere di Sheikh Jarrah nel maggio 2021, attivisti palestinesi hanno riferito che le società di social media stavano rimuovendo i loro contenuti sulla violenza israeliana e sulla pulizia etnica per aver violato le linee guida della comunità.

La censura sui social media non si è fermata quando le tensioni sono diminuite durante l’estate, però. Il mese scorso, gli utenti dei social media in Giordania hanno affermato che i loro post relativi alla violenza israeliana ad Al-Aqsa sono stati rimossi e i loro account bloccati. Inoltre, gli account appartenenti a testate giornalistiche palestinesi che trattavano della violenza nella Gerusalemme Est occupata e ad Al-Aqsa sono stati disattivati ​​da Facebook.

Nel loro recente rapporto mensile sulle violazioni dei social media, l’ONG palestinese Sada Social ha affermato che la cancellazione dei contenuti palestinesi “è in linea e in risposta alle richieste israeliane di limitare i palestinesi e i loro media”.

La modella palestinese-americana Bella Hadid ha anche accusato Instagram di aver oscurato (avendo limitato la sua visibilità) alcuni suoi contenuti pro-palestinesi durante il Ramadan.

Razek ha suggerito che lo sciame di falsi follower su Twitter potrebbe essere un’estensione del presunto oscuramento di Instagram. “Lo scopo è influenzare i nostri algoritmi e rendere meno visibili i nostri account. Quindi, nel modo in cui Instagram vieta alcuni contenuti, questo potrebbe essere un modo in cui Twitter vieta i nostri contenuti”, ha affermato.

Sebbene le identità dietro i falsi account follower non siano state rivelate, molti hanno indicato Israele. L’obiettivo del governo israeliano sui contenuti digitali palestinesi è ben documentato. Secondo 7amleh, il Centro Arabo per lo Sviluppo dei Social Media, l’Unità Cibernetica del Ministero della Giustizia israeliano invia richieste di rimozione di contenuti rivolte a contenuti palestinesi a società di social media come Facebook, Google e YouTube. Il Ministero della Giustizia si è vantato che queste società soddisfano il 95% delle loro richieste. E anche le organizzazioni governative e le ONG israeliane incoraggiano i loro cittadini a segnalare i contenuti palestinesi da rimuovere.

Attaccare la libertà di parola

L’atteso acquisto di Twitter da parte del miliardario tecnologico Elon Musk è arrivato con la promessa di garantire la libertà di parola sulla piattaforma digitale. “La libertà di parola è il fondamento di una democrazia funzionante e Twitter è la piazza della città digitale in cui si dibattono questioni vitali per il futuro dell’umanità”, ha affermato l’autodichiarato sostenitore della libertà di parola in una dichiarazione sul suo accordo su Twitter.

Mentre gli esperti di diritti digitali come Jones sono diffidenti nei confronti della potenziale acquisizione di Twitter da parte di Musk, Whitson, che da decenni subisce attacchi mirati, molestie e minacce di censura per essersi espresso contro gli abusi israeliani, vede l’acquisizione positivamente. Per il direttore esecutivo dell’organizzazione no profit Democrazia per il Mondo Arabo, il rischio di censura aziendale è un problema più grande dell’incitamento all’odio online. Whitson ha detto:

“Sono fiducioso che Elon Musk terrà fede alla sua parola di proteggere e promuovere la libertà di parola e di porre fine agli sforzi concertati per indirizzare e cancellare i contenuti scomodi. Vedendo come Twitter, Facebook e Instagram hanno intrapreso azioni sistematiche per mettere a tacere le voci degli attivisti pro-palestinesi, sono molto diffidente nei confronti dei moderatori aziendali che decidono cosa sia e cosa non sia accettabile”.

Whitson non è d’accordo sul fatto che i bot siano una forma di censura, ma li vede come un attacco alla libertà di parola. “È una forma di molestia mirata e prepotenza”, ha detto. “È un attacco mirato a persone che parlano liberamente, inclusi giornalisti e attivisti per i diritti umani”.

Jessica Buxbaum è una giornalista corrispondente da Gerusalemme per MintPress News che copre Palestina, Israele e Siria. Il suo lavoro è apparso su Middle East Eye, The New Arab e Gulf News.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org