Gli scrittori e i poeti della Palestina nelle Edizioni Q: Mohammad Bakri

a cura di Simonetta Lambertini

SU PESSOTIMISTA

[…] Su nòmini miu mi pracit. Seu Felici! S’aréntzia mia cumentzat cun d’una ballerina cipriota de Alepu chi no est istétia iscannada de Tamerlano in cudda piramide de concas de mortu de bintotu chilòmetrus in pranu e dexi metrus de artesa. No iat agatau logu po sa conca sua. Aicci si nci dd’iat avviada cun d’unu cavalieri a Baghdad po modu chi si fessit sciacuau e po dd’abetai.

Puita? No ddu sciu, puita! Issa iat abetau chi su cavalieri si nci fessit drumiu e tandus si nci fut fuia cun d’unu beduinu de sa fentomada tribù araba de is Twisat, i Crabus, chi ddi narant Abjar. Sa Brentimanna Ogutrotus. Custu Ogutrotus est su primu de s’aréntzia cosa mia. Ogutrotus nci dd’iat bogada a foras candu dd’iat acciapada faendi tzac, tzac, tzac, tzac cun d’un atru. Unu tipu de «Pardu de scupeta». Ddi narant Coccoedda fill’ ‘e bagassedda. Su fill’ ‘e bagassa nci dd’at istresiada a Bir Sabe’, candu dd’iat aciapada faendi tzac, tzac, tzac, tzac cun d’un atru, chi no sciu cumenti si tzérriat.
E aicci ayàyus nostus sighint a nci bogai a foras ayàyas nostas fintzas a candu est nàsciu su Stadu de Israeli. A-i custu puntu nd’est arribau su primu de Is Disgràtzias. The big one. Su Disgràtzi-Mannu, nàsciu in su millenoixentuscorantotu.
[…]

da Su Pessotimista*, Mohammad Bakri
Edizioni Q

http://www.edizioniq.it/supesottimista.html

Dipinto di Laila Shawa, Icons – 1968

*Su pessotimista (Il pessottimista) è la versione sardo-campidanese del monologo teatrale “al-Mutasha’il” di Mohammad Bakri, che riprende il personaggio creato dallo scrittore palestinese Emil Habibi. In questo monologo dissacrante e beffardo, il pessottimista racconta le strane avventure che lo hanno portato a vivere come quei palestinesi invisibili, rimasti in Palestina, che fingono di essere docili e ingenui, passano la vita a sopportare e a barcamenarsi, ma che alla fine dovranno fare i conti con la ribellione dei figli. (testo in sardo-campidanese e arabo-palestinese)

Direttore del Museo ebraico di Berlino costretto dalla lobby israeliana a rassegnare le dimissioni

Copertina – Il più grande museo ebraico d’Europa, a Berlino, è stato attaccato da Israele e dalla sua lobby per aver twittato un articolo su ebrei e israeliani che si oppongono alla repressione in Germania del sostegno ai diritti palestinesi. (Mariano Mantel)

English version

Leggi tutto “Direttore del Museo ebraico di Berlino costretto dalla lobby israeliana a rassegnare le dimissioni”