Perchè un Centro

 Pentone (CZ) Agosto 2005

Documento di Archivio, 2010 anno di fondazione di Invictapalestina. Oggi molte cose sono cambiate, Il Centro è stato trasferito da Pentone a Lamezia Terme ed è supportato da una redazione con 15 collaboratori sparsi in tutta Italia.

Dal 2004, dopo un viaggio in Libano, in particolare nei campi profughi palestinesi, con Stefano Chiarini, giornalista del “Manifesto”, ho iniziato a documentarmi sulla questione palestinese.

Nel 2005 ho partecipato alla Carovana dei Diritti partita da Strasburgo verso Gerusalemme e ho avuto modo di conoscere i palestinesi dei campi profughi in Siria e quelli che vivono in Giordania.

carovana2 carovana1 carovana

Nel 2009 sono ritornato in Libano con l’associazione “Per non dimenticare Sabra e Chatila”.

È a partire dal 1947, e al momento della proclamazione dello Stato d’Israele e durante la prima guerra arabo-israeliana , che centinaia di migliaia di palestinesi sono stati costretti ad abbandonare la loro terra per cercare rifugio nei paesi confinanti. Secondo i registri dell’UNRWA, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’assistenza ai rifugiati palestinesi, al 30 giugno 2003 sono 4.082.300 i profughi palestinesi registrati, 349.000 di questi vivono in Libano. In tutti questi anni la situazione dei palestinesi è andata via via peggiorando.

Guardare, fotografare, documentare e raccontare le ingiustizie alle quali questo popolo fuori e dentro ai campi resiste da più di 60 anni ci permetterà di “NON DIMENTICARE

Molte sono le associazioni italiane che hanno prodotto materiale multimediale, molte hanno organizzano serate tematiche e continuano a farlo con mostre, proiezioni video, portando a conoscenza la realtà palestinese, impegnandosi in un faticoso lavoro di controinformazione, denunciando l’immagine che Israele impone in tutto il mondo: quella di uno stato che si deve difendere dal terrorismo arabo, nascondendo il vero volto colonialista che ha come unico scopo la pulizia etnica della Palestina.

Raccogliere materiale sulla questione palestinese, metterlo a disposizione di tutti creando una rete di informazione, penso sia un modo per tener fede alle strette di mano, agli abbracci e alle promesse, scambiate con i palestinesi. A questo scopo metto a disposizione la mia casa in Calabria, affinché diventi un Centro di Informazione politica, storica e letteraria sulla Palestina.

Aprile 2010 – Rosario Citriniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam