Grande vittoria: la Corte ritiene che l’approvazione del Dakota Access Pipeline ha violato la legge

Da Climate Nexus, 15 giugno 2017

Un giudice federale ha stabilito mercoledì che l’ amministrazione Trump deve condurre una revisione ambientale aggiuntiva del Dakota Access Pipeline , consegnando una vittoria limitata alle tribù di nativi americani che combattono la decisione dell’amministrazione di andare avanti con il progetto.

In un ampio parere , il giudice distrettuale di Washington, DC James Boasberg si è schierato con le tribù accettando che l’Army Corps of Engineers “non ha considerato gli impatti di una fuoriuscita di petrolio sui diritti di pesca, i diritti umani, o la giustizia ambientale.”

“Questa decisione segna una svolta importante”, ha detto l’avvocato di Earthjustice Jan Hasselman. “Fino ad ora, i diritti della tribù Standing Rock Sioux sono stati disattesi dai costruttori del Dakota Access Pipeline e dall’amministrazione Trump – spingendo ad una meritata protesta globale . I tribunali federali hanno fatto un passo dove i nostri sistemi politici non sono riusciti a proteggere i i diritti delle comunità native “.

Boasberg non ha ordinato un arresto delle operazioni sull’oleodotto , che ha iniziato a pompare petrolio all’inizio di questo mese . Alle tribù e al proprietario dell’oleodotto Energy Transfer Partners viene ordinato di comparire in tribunale la prossima settimana per decidere le successive misure legali , e le tribù sono tenute a discutere per un arresto completo delle operazioni dell’oleodotto.

Dallas Goldtooth, organizzatore nazionale Jeep It In the Ground per Indigenous Environmental Network , ha avuto questo da dire circa la sentenza:
“Questa è una vittoria enorme per le nazioni tribali degli Oceti Sakowin, per i Protettori d’Acqua in tutto il mondo e per i capi indigeni che hanno guidato gli sforzi dell’organizzazione per fermare il Dakota Access Pipeline.

“Siamo in estasi per la decisione della corte, e applaudiamo le tribù Standing Rock Sioux e Cheyenne Sioux per continuare a mantenere la linea e portare la lotta contro l’amministrazione Trump e il Dakota Access Pipeline ai tribunali della nazione. Ci auguriamo che questa decisione porti al blocco dello scorrimento del petrolio nell’oleodotto di petrolio greggio Bakken come rimedio permanente per proteggere l’acqua potabile del fiume Cheyenne e delle nazioni Standing Rock Sioux .

“Dal 1990, la nostra organizzazione ha lavorato per assicurare che gli Stati Uniti riconoscessero la necessità di giustizia ambientale e di una partecipazione significativa da parte delle comunità indigene nel permettere processi che interesseranno le nostre terre sacre, i diritti inerenti e l’accesso ad acqua pulita. Stiamo vedendo questi sforzi che stanno dando i loro frutti, e ora il nostro movimento ha inferto un duro colpo al grande petrolio .

“Nonostante le subdole tattiche brutali da parte di Energy Transfer Partners per sopprimere i popoli indigeni, il nostro movimento non sarà fermato. Noi continueremo a sostenere qualsiasi e ogni sforzo per disinvestire dalle fonti fossili e arrestare il Dakota Access Pipeline una volta per tutte.”

Trad. Il Popolo che non esiste

Fonte: https://www.ecowatch.com/dapl-court-ruling-2442150241.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *